Programmi

TCAP 8.3 

TCAP è un postprocessore di verifica di un elemento lineare realizzato in cemento armato precompresso secondo la normativa D.M. 14/01/2008.  E' possibile analizzare strutture a campata singola come pure a trave continua.
L’elemento può essere:
  • prefabbricato
  • realizzato in opera
  • realizzato in due fasi, prefabbricato e successivo getto in opera collaborante


 

 


In tutti i casi viene tenuto conto della storia delle sollecitazioni nelle varie fasi di costruzione.
E’ previsto che il prefabbricato sia
precompresso a fili aderenti anche inguainati in testata per ottimizzare lo stato di sollecitazione, e che sia soggetto a fasi transitorie di sollevamento e trasporto.
E’ possibile inserire dei
cavi di postensione in seconda fase, generando precompressioni in zone opportune.






Le sezioni vengono composte come nel modello reale accoppiando il prefabbricato, che può avere sezione variabile sulla lunghezza, al getto eseguito in opera.  L’algoritmo memorizza lo stato tensionale che si viene a creare nelle varie fasi di costruzione tenendo conto delle cadute di tensione nell’acciaio da precompressione per effetto del ritiro e della viscosità del calcestruzzo e del rilassamento dell’acciaio stesso.





Il programma riceve dai preprocessori le sollecitazioni flettenti, taglianti e torcenti M,V,T in sezioni campione lungo l’elemento e raggruppate in combinazioni SLU e SLE.  Nel caso in cui la struttura sia realizzata in 2 fasi queste combinazioni si riferiranno alla 2a fase.
A queste sollecitazioni il programma somma l’effetto combinato delle forze di precompressione e delle forze relative al cambio di vincolo tra 1
a e 2a fase, utilizzando uno schema iperstatico del tipo a trave continua.
Adottando questo procedimento è più facile controllare gli effetti di ogni singola azione ed in particolar modo della precompressione.


Nel caso di struttura realizzata in 2 fasi il programma chiede le informazioni necessarie al calcolo della prima fase, solitamente caratterizzata da un diverso schema di vincolo e di carico:





Lo stato tensionale della prima fase viene memorizzato dal programma e utilizzato come base di partenza per la fase successiva.

Oltre alle armature di precompressione il programma richiede le armature lente longitudinali e trasversali.





Come sottocaso il programma è in grado di verificare elementi in cemento armato normale realizzati anche in 2 fasi di getto.

Le verifiche comprendono:
  • verifica SLU per flessione della sezione in tutte le fasi
  • verifica SLU per taglio
  • verifica SLU per taglio e torsione
  • verifica SLE tensioni dei materiali (calcestruzzo, acciai da precompressione, acciai lenti)
  • calcolo delle deformazioni (abbassamenti verticali e spostamenti longitudinali)







TCAP produce uscite grafiche dei dati di input e dei risultati, e prevede, a scelta dell’utente, stampe di servizio, sintetiche e complete, oppure una relazione di calcolo che descrive il metodo di calcolo, le convenzioni, gli schemi adottati, ecc.





Preprocessori e postprocessore sono collegati in “tempo reale”: ogni modifica dei dati operata nel preprocessore si propaga istantaneamente in tutte le parti dei moduli collegati, e tutte le uscite grafiche ed alfanumeriche vengono aggiornate.

Interfacciato con:
  • SIGMAC - preprocessore impalcati da ponte
  • GRAT - preprocessore strutture a grigliato
  • TRSP - preprocessore strutture a telaio piano